Top

Cerchi qualcosa di specifico? fai una ricerca nel sito usando il box ricerca qua sotto

Maria Rosa Sossai: Taci, anzi parla

Da mercoledì 5 maggio, un seminario in quattro incontri sul diario come forma espressiva
Maria Rosa Sossai: Taci, anzi parla

Pubblicato il 30 April 2021 da redazione

Inizia mercoledì 5 maggio, alle ore 10.00, il seminario in 4 incontri “Taci, anzi parla” di Maria Rosa Sossai, incluso nella programmazione dei Racconti dell'Arte. L'incontro, introdotto dalla prof.ssa Laura Barreca, si svolgerà in diretta streaming via Zoom, con accesso da questo link. Gli incontri successivi si svolgeranno il 12, 19 e 26 maggio, con i medesimi orari e modalità.

Il titolo del seminario cita il libro Taci, anzi parla (Diario di una femminista) del 1978, di Carla Lonzi (1931 – 1982), un’autrice le cui scelte professionali e di vita sono emblematiche per comprendere appieno quanto l’arte italiana a cavallo tra gli anni settanta e ottanta sia stata profondamente influenzata della storia del femminismo. Carla Lonzi, riconosciuta critica d’arte, agli inizi degli anni settanta abbandona una brillante carriera di critica d’arte per dedicarsi anima e corpo alla lotta femminista che in quegli anni iniziava a manifestarsi in Italia.

Per mettere in rilievo i cambiamenti che il pensiero femminista ha introdotto nell’idea di opera d’arte comunemente intesa, il seminario sceglie di studiare la forma del diario come strumento di introspezione e analisi critica del vissuto delle donne, in relazione con la realtà circostante. Tale scelta è dettata dal fatto che per secoli le donne hanno aggirato la censura operata nei loro confronti dalla cultura patriarcale scrivendo un diario spesso tenuto segreto. A esso venivano affidati l’anelito di libertà e il desiderio di esprimere le proprie istanze di autonomia e indipendenza. 

Il diario è una forma espressiva scelta da molte artiste per registrare il percorso della loro ricerca. Per le studentesse e gli studenti del seminario il diario diventa un modo di acquisire consapevolezza e uno strumento di ‘empowerment’ delle proprie capacità creative e intellettuali per percepirsi come soggetti liberi e pensanti, attraverso il confronto con le altre donne.

Il seminario si svolgerà in 4 incontri successivi, e si concluderà con la presentazione e la discussione degli elaborati delle studentesse e degli studenti partecipanti. Maggiori informazioni sono disponibili nel programma scaricabile

Maria Rosa Sossai è ricercatrice nel campo delle pratiche artistiche e delle politiche dell’educazione, nonché studiosa nel settore del video e film d’artista. Nel 2019 ha co-fondato ‘fuoriregistro’,  quaderno di pedagogia e arte contemporanea, Boîtes edizioni, Lissone e nel 2012 ALA accademia libera delle arti, piattaforma indipendente di educazione e arte contemporanea. Per il Museo civico di Castelbuono (Palermo) ha curato il progetto L’asta del 1920 e la mostra La Stanza delle meraviglie. Dal 2013 al 2015 è stata direttrice artistica di AlbumArte spazio | progetti per l’arte contemporanea di Roma. Ha collaborato con musei, fondazioni, accademie straniere e invitata in qualità di visiting critic all’MFA program della Parsons Fine Arts, New York.  Ha curato workshop, seminari, mostre e progetti in accademie, gallerie, fondazioni e musei in Italia e all’estero. Nel 2017 con Torri del vento, Palermo, ha pubblicato il libro Vivere insieme l’arte come azione educativa. Con Silvana Editoriale, Milano,  i libri Arte video, storie e culture del video d’artista in Italia, 2002, e Film d’artista, percorsi e confronti tra arte e cinema, 2009. Ha scritto saggi in cataloghi e articoli in cataloghi e riviste d’arte contemporanea italiane e straniere.