Il presente sito web utilizza i cookies per aiutare migliorare i servizi, e le informazioni ai suoi lettori. Se continuate ad usare questo sito, si suppone che l'utente accetta di utilizzare i cookie. Ricordiamo inoltre che dal tuo browser è possibile cancellare la cache e tutti i cookies principali.



La Scuola di Nuove Tecnologie dell’Arte dell’Accademia di Belle Arti di Carrara, nata nel 1999, ha l’obiettivo di formare un artista capace di proporre soluzioni innovative e originali nel settore delle arti multimediali digitali e di gestire il processo di sviluppo di un progetto nei diversi settori artistici e professionali.

Sono affrontati i diversi momenti di ricerca dall’area della storia dell’arte contemporanea, a quella dei linguaggi multimediali, delle discipline della comunicazione, delle analisi dei processi comunicativi, della progettazione multimediale, delle culture digitali, dei sistemi interattivi e delle tecniche e dei linguaggi audiovisivi.

La Scuola di Nuove Tecnologie dell’Arte si propone inoltre di contribuire a formare delle figure professionali competenti e specializzate nel partecipare alla progettazione e creazione di comunità virtuali orientate a favorire lo scambio e la trasmissione della conoscenza e dei saperi universali negli ambiti più disparati, apportando a tali progetti una sensibilità e creatività che non viene prevista in altri ambiti disciplinari. L’arte dei nuovi media digitali, con oramai circa mezzo secolo di storia, è da un quarto di secolo al centro dell’attenzione delle principali istituzioni nel campo dell’arte, della scienza e della ricerca.

Molte istituzioni e musei nazionali ed internazionali hanno già creato al loro interno un'area specifica all’arte dei nuovi media e organizzato mostre e centri di documentazione e di ricerca in tale settore. L’artista oggi non è più un semplice produttore di metafore. La sua non è una mera funzione simbolica all’interno della società. È viceversa un partecipatore attivo che interviene “direttamente” nei processi produttivi e sociali che lo circondano. È questa sensibilità al lavoro cooperativo, al saper intuire ed interagire con i processi sociali ed antropologici, oltre che tecnologici, mantenendo ben saldo di fronte a se il faro dei valori etici orientati al bene comune, anziché al profitto individuale, è questa la sensibilità e la priorità che la Scuola deve saper trasmettere ai propri studenti.

Le parole chiave della Scuola sono termini come relazione, cooperazione, interdisciplinarietà, interazione, intercreatività, comunicazione.

Le aule sono tutte attrezzate con videoproiettori e i computer sono collegati in rete sia fissa che wi- fi. Gli studenti possono disporre in aula del proprio portatile collegandolo alla rete fissa o al wi-fi. Gli studenti hanno a disposizione per lo studio e l'incontro uno Spazio polivalente all'interno del quale possono confrontare le proprie esperienze arricchendosi reciprocamente, leggere i libri di una biblioteca specializzata nelle arti multimediali. Tale Spazio Polivalente viene anche utilizzato per l'organizzazione di eventi, conferenze o installazioni multimediali e per la presentazione al pubblico dei lavori degli studenti.